Magazine sul Made in Italy - Magazine Made in Italy

IL MAGAZINE DEL
Made in Italy by:
OTHERS LANGUAGE
Vai ai contenuti

FERRARI : IL MADE IN ITALY ENTRA NELLA LEGGENDA

Magazine Made in Italy
Pubblicato da in Artigianato · 5 Settembre 2019
1947 - Nasce il Cavallino

Enzo Ferrari, che già aveva creato nel 1929 a Modena la Scuderia Ferrari (come filiale agonistica dell’Alfa Romeo) e nel ’39 l’Auto Avio Costruzioni, fonda ufficialmente a Maranello la Auto Costruzioni Ferrari (poi diventata Ferrari Spa dal 1965). Il simbolo ufficiale è il cavallino rampante che decorava durante la prima guerra mondiale l’aereo di Francesco Baracca. Il geniale costruttore era nato a Modena il 18 febbraio 1898 ed era stato pilota dell’Alfa Romeo, quindi capo del reparto corse dal 1933 al ‘37. Nel 1947 dallo storico portone di via Abetone Inferiore esce la prima auto che porta il suo nome: la 125 S. Ha motore 12 cilindri di 1500 cm³, guidata da Franco Cortese debutta sul Circuito di Piacenza l’11 maggio.

1948 - Esordio nei Gp

Debutta la prima monoposto, 125 C, al Gp d’Italia di Torino. La guida Raymond Sommer, arriva terza.

1951 - Prima vittoria

La Ferrari vince il suo primo Gp di F1 in Gran Bretagna, pilota l’argentino José Froilan Gonzalez. Sarà l’unica scuderia sempre presente, e la più vittoriosa in assoluto con 15 Mondiali Piloti e 16 Mondiali Costruttori, 222 successi. La Ferrari è anche tra i team più vincenti nelle competizioni Sport Prototipo (12 titoli Costruttori) e Gran Turismo, oltre che nelle gare endurance: le 24 Ore di Le Mans (9 successi) e Daytona, la 12 Ore di Sebring, la Targa Florio (7), la Mille Miglia (8) e la Carrera Panamericana.

1952 - Primo titolo iridato

La Ferrari è per la prima volta Campione del Mondo di F1 con Alberto Ascari che si ripeterà anche nel ’53. Enzo Ferrari diventa Cavaliere del Lavoro.

1954 - Svelato il gioiello 250 GT

Il Cavallino presenta la 250 GT, granturismo che ancora oggi è tra le più ambite dai collezionisti.

1956 - Muore Alfredo Ferrari

Il figlio del fondatore, Alfredo, muore di distrofia muscolare. Fino all’ultimo aveva collaborato al nuovo motore 6 cilindri a V di 1500 cm3, in suo onore chiamato Dino (come la vettura prodotta nel 1967). Juan Manuel Fangio porta a Maranello il 3° Mondiale di F1.

1969 - Arriva la Fiat
Per far fronte al bilancio deficitario e alle crescenti richieste del mercato, Enzo Ferrari cede al Gruppo Fiat il 50% delle sue quote azionarie. L’avvocato Giovanni Agnelli gli garantisce però autonomia gestionale nel settore sportivo.

1971 - Nasce la “pista di famiglia”

Viene costruita la pista di Fiorano, inaugurata l’8 aprile.

1984 - Il mito Testarossa

Debutta la Testarossa, modello iconico per aerodinamica e prestazioni.

1975 - Niki Lauda campione

Niki Lauda vince 5 Gp e diventa campione del mondo. Si ripeterà nel ’77.

1987 - L’ultimo capolavoro di Enzo

Debutta la F40, 69ª vettura dall’inizio della favola rossa, e ultima realizzata con la supervisione di Enzo Ferrari.

1988 - Muore Enzo Ferrari

Alla vigilia di ferragosto, a 90 anni, muore a Modena il fondatore Enzo Ferrari. Fiat porta al 90% la sua quota azionaria, il restante 10% è di Piero Ferrari.

1991 - Inizia l’era Montezemolo

Dopo le presidenze di Vittorio Ghidella (1984-’88) e Piero Fusaro (1988-’91) Giovanni Agnelli affida il vertice dell’azienda a Luca Montezemolo, che era stato Team Principal della Scuderia dal 1974 al ’77. Comincia un periodo di grande sviluppo tecnologico e industriale, la fabbrica diventa emblema di efficienza. Lievitano le vendite, il merchandising e gli utili.

1996 - Arriva Schumi

Arriva Michael Schumacher, che diventerà il pilota più vincente della storia con 7 titoli mondiali di cui 5 conquistati in Ferrari (72 successi in 170 gare). Dal 2000, quando riporta a Maranello il Mondiale che mancava da 21 anni, al 2004 il tedesco dominerà la scena. Tra le vetture stradali, ecco la 550 Maranello, simbolo del nuovo corso tecnologico.

2002 -La supercar Enzo

Al fondatore viene dedicata la supercar Enzo, serie limitata di 399 esemplari con motore V12 6 litri da 660 cavalli. Ha telaio e carrozzeria in fibra di carbonio, è la Ferrari stradale più potente mai prodotta, supera i 350 km l’ora.

2005 -Arriva lo sceicco
A luglio lo sceicco di Abu Dhabi Mohammed Bin Zayed Al Nahyan diventa azionista con il 5% delle quote: Il suo fondo Mubadala le ha acquisite da Mediobanca (che nel 2002 aveva conquistato il 28,63% del capitale) per 114 milioni. L’anno seguente Fiat ricompra le quote di Mediobanca, gli emiri restano azionisti.

2007 - Festa per i 70 anni

Per i sessant’anni della Ferrari grande festa a Maranello e sul circuito di Fiorano con le Frecce Tricolori, una parata di esemplari storici, l’esibizione dei piloti di ogni tempo, migliaia di clienti e appassionati.

2009 - Il mondo Ferrari negli Emirati

Inaugurato il Ferrari World di Abu Dhabi: il più grande parco tematico coperto al mondo interamente dedicato al Cavallino.

2011 - La prima Ferrari 4x4

Arriva sul mercato la FF, prima Ferrari della storia a trazione integrale.

2013 - “Re” dei marchi
Il marchio Ferrari è il più forte del mondo per Brand Finance. Battuti giganti come Google, Coca Cola, Hermes e Apple. Merito anche del record di vendite registrato nel 2012: 7.318. Debutta una supercar estrema, LaFerrari, erede della mitica Enzo.

2014 - Marchionne presidente

Finisce l’era Montezemolo. Il 10 settembre il presidente della Ferrari si dimette (con effetto dal 13 ottobre) e Sergio Marchionne (foto) assume la presidenza. Poco dopo annuncerà l’intenzione di scorporare l’azienda dal resto del Gruppo Fca e di quotarla in Borsa.

2018 - Fine dell'era Marchionne
L’ultima uscita pubblica, il 26 giugno a Roma, per la consegna di una speciale Jeep Wrangler ai Carabinieri. L’Ad di Fca, in Svizzera da fine giugno, ha subito un intervento chirurgico alla spalla destra, ma sono sopraggiunte delle complicazioni inattese durante la convalescenza. E stando ad un comunicato Fca  “sono peggiorate le condizioni e non potrà riprendere la sua attività lavorativa.”
Mercoledì 25 luglio Sergio Marchionne è morto a 66 anni. Il manager era ricoverato da circa un mese nella clinica Universitätsspital di Zurigo, in Svizzera.

Oggi

Il Cavallino, le cui redini nel frattempo sono passate a Louis Camilleri, nell’ultimo anno ha puntato su modelli ancora più prestigiosi di quanto faccia in regime di “normale amministrazione” come Monza SP1 ed SP2 e la ibrida SF90 Stradale e sostituito la 488 con la F8 Tributo, che sarà per il prossimo quinquennio il modello V8 di maggiore peso per la Casa emiliana.


Nessun commento

Progetto realizzato da I.M.S. ITALY MARKETING SERVICE
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -

I NOSTRI PARTNER
Torna ai contenuti