Magazine sul Made in Italy - Magazine Made in Italy

IL MAGAZINE DEL
Made in Italy by:
OTHERS LANGUAGE
Vai ai contenuti

Le Ceramiche di Vietri

Magazine Made in Italy
Pubblicato da in Artigianato · 21 Agosto 2019
Le Ceramiche di Vietri sul Mare sono veri capolavori frutto di una tradizione secolare, portata avanti solo in alcuni paesi della Costiera Amalfitana, e rappresentano uno dei prodotti d’eccellenza di questi luoghi. In molti piccoli borghi marinari le ceramiche artistiche decorano vicoli e strade, rendendo il paesaggio urbano e costiero ancora più suggestivo. Il procedimento di produzione è però molto lungo e complesso, con una prima fase di foggiatura dell’argilla al tornio, in cui si da la forma e la struttura all’opera, una seconda fase di cottura in forno e una fase successiva di smaltatura. Una volta fatto questo, i piatti e le piastrelle in ceramica vietrese sono immersi in uno smalto bianco, lasciati asciugare e solo successivamente decorati a mano. I colori saranno più brillanti grazie ad una seconda cottura che fisserà le opere disegnate.



La loro caratteristica più straordinaria però è che ogni ceramica è un pezzo unico, non esistono doppioni. Ancora oggi la produzione delle migliori ceramiche di Vietri prosegue nei vari laboratori artigianali, portando così avanti una tradizione di famiglia a volte ultra-centenaria.
La Costiera Amalfitana è teatro di matrimoni e turismo nonchè culla di prelibatezze straordinarie, ma non solo. E’ anche simbolo e residenza di molte arti, che qui prendono significati e pregi completamente unici rispetto al resto del mondo.



Semplici oggetti per la casa lavorati a mano, sono il frutto di una tradizione secolare della costiera, che è essa stessa adornata in vicoli, strade, alberghi, ristoranti e case da questi pezzi unici, prendendo quel sapore caratteristico e suggestivo che salta fuori da ogni fotografia e da ogni cartolina.
I colori armonici che li compongono sono inconfondibili, il target più richiesto è sicuramente quello per interni (bagni e cucine), ma non mancano le idee e le proposte anche per gli esterni (giardini e terrazzi). La ceramica vietrese, inoltre, è spesso un’ottima idea per bomboniere, regali e omaggi di vario genere, di un certo livello.


Ma facciamo un passo indietro e andiamo a scoprire le origini di questa antica tradizione artigianale.

La storia
Secondo i ricercatori l’arte della ceramica vietrese avrebbe origini antichissime, datate addirittura V secolo a.C., al tempo degli Etruschi.
Nel Medioevo quest’attività diventò così richiesta e rinomata da divenire una fonte di ricchezza per tutta la zona; una sorte che, sembra, i secoli non intacchino.
Le riggiole, invece, sembrano essere decisamente più recenti, poichè la loro datazione originaria dovrebbe risalire al 1700. Si tratta di mattonelle molto particolari, differenti dalle “sorelle” napoletane semplicemente per i colori, che qui sono più tenui e pastellati.
Nemmeno il Barocco è riuscito ad estirpare del tutto questa tradizione: la sagoma dei vasi è divenuta meno slanciata, il color turchese è diventato predominante, dimostrando come un adattamento sia riuscito ad evitare una scomparsa dovuta ad un cambiamento radicale di stile e di epoca. L’unico momento di crisi pare risalga al 1800, quando la terraglia napoletana (una ceramica a fondo bianco a pasta fine) entrò nelle grazie dei Borboni.
Ma c’è un episodio curioso da raccontare: tra il 1920 e il 1930 la Costiera Amalfitana diventò meta di moltissimi turisti tedeschi ebrei, emigrati a causa degli incombenti problemi razziali caratteristici nel Nord Europa in quel periodo storico.
Non era un popolo ricco ma seppe barattare la propria presenza con l’arte, realizzando qualcosa che solo al Sud Italia, per certi versi, sarebbe potuta accadere: ottenevano ospitalità in cambio di affreschi ed opere d’arte. I loro piatti e le loro piastrelle, così, cominciarono ad entrare nelle case degli abitanti della zona, finchè le due tradizioni si unirono, fondendosi in qualcosa di totalmente nuovo, contaminato ed unico: questi tedeschi si unirono in lavoro agli artigiani locali, realizzando nuove idee impreziosite da uno stile medievale e bizantino.
Allo stato attuale quest’antica arte vietrese è ancora attiva, attraverso piccoli laboratori artigianali che lavorano al tornio. Si tratta spesso di aziende familiari che si rinnovano di generazione in generazione, portando avanti una tradizione di famiglia a volte ultra-centenaria.



La procedura:
Viene spontaneo chiedersi che tipo di produzione ci sia dietro queste splendide ceramiche, ma il processo è lungo e complesso, per cui ne esamineremo soltanto le fasi salienti.
FASE 1: Lavorazione dell’argilla al tornio, in cui prende vita la struttura dell’opera;
FASE 2: Prima cottura in forno;
FASE 3: Smaltatura.
Per piatti e piastrelle le cose, invece, vanno leggermente diversamente, perchè vengono prima immersi in uno smalto bianco, poi lasciati asciugare e infine decorati a mano. Una seconda cottura, in ultimo, agirà sulla brillantezza dei colori e sulla loro resistenza, che sarà fissata sulla struttura dal calore.
Trattandosi di lavorazioni puramente ed esclusivamente artigianali, quindi, ogni ceramica è unica.


La contraffazione:
E’ storia recente quella che vedrebbe la contraffazione come una minaccia per quest’antica arte secolare vietrese. In realtà non è difficile districarsi poichè le botteghe originali, che vendono anche online, offrono sempre garanzie sull’originalità dei prodotti; in più, la presenza di prezzi troppo bassi deve fungere da campanello d’allarme.
Vietri ne è già tappezzata ed ora anche a Salerno iniziano a spuntare sulle vetrine degli esercizi del settore. Sono gli avvisi che segnano, l'inizio della lotta alla contraffazione indetta dall’Ente Ceramica Vietrese. Tra i vari negozi aderenti alla campagna informativa, quello in via Volpe che ha esposto il documento, ed altri autorizzati a rivendere la ceramica made in Vietri. L’avviso diffuso dall’Ente invita a «diffidare delle ceramiche in vendita che non sono marchiate in maniera indelebile (a gran fuoco) con il nome del produttore ceramista e del luogo di produzione». Come si legge a chiare lettere dall’avviso, infatti, «le ceramiche non firmate con il nome del produttore e del luogo di produzione sono da ritenersi di dubbia provenienza con probabile raggiro o truffa per il consumatore».
Ricordate che gli esercenti presenti sul nostro sito www.madeinitalyshopclub.com sono attentamente verificati



Nessun commento

Progetto realizzato da I.M.S. ITALY MARKETING SERVICE
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -

I NOSTRI PARTNER
Torna ai contenuti